Passa ai contenuti principali

La sbroscia, zuppa antica della Versilia

Definizione di sbroscia: minestra brodosa e insipida. I toscani, di fronte a una minestra per niente appetitosa, una brodaglia insomma, dicono: che sbroscia! I toscani, ma forse non tutti. In Versilia, nella parte nord-occidentale della Toscana fra le Alpi Apuane e il Parco di San Rossore, esiste gente ironica, fantasiosa – basti pensare ai carri del Carnevale di Viareggio – che è stata capace di attribuire un nome così poco invitante a un'antica minestra, anzi, a una zuppa, perché l'aggiunta del pane è indispensabile.

L'antica sbroscia versiliese era fatta con ingredienti poveri, gli 'odori', i fagioli secchi, che fra le provviste non mancavano mai, e la zucca. In realtà pare che in origine si usasse uno zucchino ingrossato di quelli che rimanevano nei campi e non si buttavano via, perché... tutto fa brodo, anzi, tutto fa sbroscia. Purtroppo ora è difficile trovare la sbroscia nei menu dei ristoranti e si capisce il perché: il nome non è molto invitante. Però è una zuppa casalinga tramandata per generazioni che vale la pena provare e riportare a nuova vita. Si dice che abbia avuto origine nei conventi dei frati francescani.

Con questa zuppa partecipo al tema del mese dell'Italia nel piatto "Un piatto del passato", che possa illustrare la cucina povera e semplice di un tempo. Se volete vedere questa ricetta cucinata e raccontata da un livornese DOC, guardate questo video.



INGREDIENTI per 4/5 persone

800 g di zucca (e/o zucchini grossi)

400 g di fagioli rossi secchi (in realtà ho usato il fagiolo di San Giuseppe o fagiolo malato di Lucca)

1 cipolla

1 carota

1 costola di sedano

2 spicchi d'aglio

1 rametto di salvia

pane toscano casereccio

peperoncino, sale e pepe

olio e.v.o.


PROCEDIMENTO

Lessare i fagioli (messi a bagno per 12 ore) con foglie di salvia e 1 spicchio di aglio.

In acqua salata lessare al dente la zucca a cubetti.

Nel frattempo preparare un soffritto con sedano, carota, cipolla e aglio tritati, in olio e peperoncino.

Aggiungere il soffritto alla zucca con la sua acqua.

Unire quattro ramaioli (= mestoli) di fagioli e far bollire la minestra a fuoco medio per 20 minuti.

Aggiustare di sale.  Servire nei piatti aggiungendo pepe, olio e fette di pane.

N.B. Ho aggiunto alla fine del prezzemolo tritato.

 

Per finire, una scelta di piatti poveri del passato provenienti da tutta Italia.

Seguite L'Italia nel piatto anche su Instagram! https://www.instagram.com/italianelpiatto/

 




Commenti

  1. Questa zuppa ha solo il nome di poco appetitoso, a vederla è molto invitante.
    Tantissimi Auguri di Buona Pasqua

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo con Miria! Auguri Gio buona Pasqua :)

    RispondiElimina
  3. vederla è proprio bella, sarà l'arancione della zucca! Tanti cari auguri di buona Pasqua!

    RispondiElimina
  4. Bellissima e deve essere squisita ^_^

    RispondiElimina
  5. Questi sono i piatti di cui vado matta, semplici, nutrienti, ricchi di gusto! Si il nome non sarà molto invitante, ma ha un aspetto che dice tutto! Fantastica!

    RispondiElimina
  6. Non la conoscevo ma mi sa proprio di buono, per me un vero comfort food! Buona Pasquetta

    RispondiElimina
  7. Le zuppe sanno sempre regalare gustose emozioni.
    Grazie per averla condivisa

    RispondiElimina
  8. Ha un aspetto molto invitante, dev'essere ricca di sapore, a me piace anche il nome, non si dimentica! Bella ricetta, un abbraccio buona settimana

    RispondiElimina

Posta un commento