domenica 17 giugno 2012

Salsa di nonna Caterina

Chissà se questa salsa ha un altro nome, ma credo proprio di no: ne ho cercata una uguale nel web, ma non sono riuscita a trovarla. La mia mamma l'ha imparata dalla sua nonna Caterina e l'ha rifatta spesso, soprattutto quando cucinava il bollito misto o il pesce lesso. Ma anche con gli asparagi non sta male.
Per l'occasione, la presento in una salsiera "di famiglia", uno di quei geniali contenitori con piattino incorporato (Seltmann Weiden, Bavaria, primi del '900). Qui è posta sopra una tovaglietta del mio corredo, facente parte del servizio "all'americana" (come lo chiama la mia mamma), costituito da tovagliette singole e tovaglioli ricamati a mano.


INGREDIENTI per 2 persone

200 gr di passata di pomodoro
1 cucchiaio di olio e.v.o.
1 spicchio di aglio
1/2 cucchiaino di zucchero
1 acciuga sotto sale
1 cucchiaio di capperi
1 cucchiaio di prezzemolo
1 tuorlo d'uovo
2 cucchiaini di farina
2 cucchiai di acqua
10 gr di burro

PREPARAZIONE

Rosolate l'aglio nell'olio.
Unite la passata di pomodoro.
Dopo 5 minuti unite mezzo cucchiaino di zucchero.
Dopo altri 5 minuti aggiungete un trito di capperi, prezzemolo e acciuga lavata e privata della lisca.
Fate sobbollire pochi minuti, finché l'acciuga si è sciolta. Poi togliete l'aglio e unite il burro impastato con la farina. Fate addensare, mescolando continuamente perché non si formino grumi. Se volete una salsa più liquida, potete aggiungere i cucchiai di acqua. Oppure sciogliete la farina a freddo con l'acqua e poi la aggiungete. Se volete la salsa più salata, mettete il sale, ma, secondo me, basta l'acciuga.
Infine togliete la salsa dal fuoco. Unite un tuorlo d'uovo e sbattetelo velocemente, amalgamandolo alla salsa. Rimettete la salsa a fuoco bassissimo per qualche minuto, senza smettere mai di mescolare.

UTILIZZAZIONI
Come ho già detto, la salsa accompagna bene la carne, il pesce o gli asparagi lessi. Ma sarebbe da provare anche con le uova sode e, perché no, con la pasta, magari con un po' più di olio e/o acqua. Io l'ho provata con dei taglierini che ho fatto a mano, usando, per la precisione, 100 gr di farina, un pizzichino di sale, e... l'albume che mi era avanzato. Se l'impasto vi sembra poco elastico, aggiungete un po' d'acqua. Eccoli qua, crudi...


... cotti e conditi:


Chissà che ne penserebbe la mia bisnonna Caterina!