domenica 11 dicembre 2016

Pane dolce con uvetta e anice


Questo pane dolce è nato per caso e non era destinato al blog, per questo motivo non ho fatto una foto decente, ma solo uno scatto veloce col cellulare. Ho deciso solo 'a posteriori' di scriverne qui la ricetta, perché nei giorni che sono stata a Siena mi sono resa conto che piaceva moltissimo. La signora Gabriela, rumena (non è un errore, la 'l' è una sola), ha sempre scelto questo fra le varie 'dolcezze' che avevamo a disposizione per il tè, preferendolo perfino a degli ottimi biscotti artigianali portati da Firenze e al senese pane dei Santi, artigianale pure quello, che per certi versi assomiglia al mio improvvisato pane dolce. Lei ci sentiva un profumo di scorƫişoară (cioè cannella), invece non ce n'è. Può essere che uvetta + anice + vaniglia Bourbon diano questo effetto? Per saperlo, basta provare.

Avevo nel frigorifero un sacchetto di pasta per pizza, un 'lascito' di un'amica che partiva per una settimana. Confezionato il 1° dicembre, era senza scadenza, ma eravamo già al 7 dicembre. Che fare? Buttare via o tentare? Dovendo partire anch'io entro 12-14 ore, ho escluso la pizza (che se non è fresca non mi piace) e ho optato per qualcosa da portar via, un dolce non tanto dolce, che piacesse a mia madre, la quale ha una spiccata preferenza per i dolci a base di pasta di pane. 

Ricordando che a lei piace moltissimo il buccellato lucchese, ho pensato di usare lo stesso 'condimento': zucchero, uvetta, anice e olio e.v.o. Ovviamente la differenza con il buccellato è notevole, perché qui l'impasto è lavorato pochissimo. Probabilmente già in partenza erano diverse l'idratazione e il tipo di farina, perché la massa era piuttosto molle e scura. Farne un filoncino o una ciambella (come per il buccellato) era impossibile, perciò ho deciso di usare uno stampo da plumcake. Il risultato è stato sorprendente.

INGREDIENTI

500 g di pasta lievitata (farina, acqua, lievito di birra, con le dosi e le modalità preferite)
90 g di zucchero
130 g di uvetta sultanina
30 g di olio e.v.o.
13 g di semi di anice
1 cucchiaino raso di vaniglia Bourbon

2 cucchiaini di zucchero sciolti in 2 cucchiai di acqua calda, per spennellare

PREPARAZIONE

Ho messo la pasta lievitata in una ciotola coperta e l'ho lasciata a temperatura ambiente per 8 ore. Ho aggiunto all'impasto, che era raddoppiato, zucchero, uvetta, olio, semi di anice e vaniglia. Ho impastato pochi minuti e ho fatto rilievitare in uno stampo rettangolare da plumcake per 2 ore. Ho fatto cuocere in forno a 180° per mezz'ora. Appena sfornato, ho spennellato la superficie di acqua  e zucchero.