venerdì 11 maggio 2012

Crema di bucce di piselli



Non si butta via niente... Se mai, si ricicla. Mi sono accorta che comprando 1 kg di piselli da sgranare si ottengono solo 300 gr circa di piselli sgranati: e dei 700 gr di bucce che ne facciamo?


Se si trova il tempo e la voglia di usare il passaverdura, ne possiamo fare una minestra. Basta avere un po' di pazienza: sgranare, cimare le estremità delle bucce, cuocere con cipolla e patate e passare, passare, passare... Rimarranno tante pellicine coriacee (l'interno delle bucce), che via via che si passa vanno eliminate. Ma alla fine il sapore della minestra fatta con le bucce riciclate è proprio buono, molto più di quello della crema di piselli.


Ingredienti per 6 persone

700 gr circa di bucce di piselli
300 gr di patate
2 scalogni
2 foglie di alloro
6 cucchiai di olio e.v.o.
1 cucchiaio raso di sale grosso
800 ml. di acqua


Sgranate i piselli e utilizzateli per un'altra preparazione.

Togliete le estremità delle bucce dei piselli, insieme all'eventuale filo (come nei fagiolini) e tagliatele a pezzi. Sbucciate e tagliate a pezzetti le patate. Affettate gli scalogni.

Mentre portate a ebollizione gli 800 ml di acqua con il sale, fate appassire i 2 scalogni con 4 cucchiai di olio e le 2 foglie di alloro. Unite le patate, le bucce di piselli e il sale. Aggiungete l'acqua  e fate bollire per mezz'ora.
Passare tutto al passaverdura o, se preferite, prima frullate e poi passate.

Riportate a ebollizione, facendo ritirare, se necessario.
Alla fine potete aggiungere gli altri due cucchiai di olio oppure, se non siete a dieta, un cucchiaio di fecola o farina ben impastata con un cucchiaio di burro, che farete sobbollire per 5 minuti. Questo trasformerà la crema in una vellutata.

Per guarnire: cubetti di pane integrale tostato e fiori di erba cipollina. Se vi piace, grana o parmigiano grattugiato.

Nessun commento: