lunedì 7 maggio 2012

Penne con i pomodori arrostiti

Per nonna Antonietta la cucina della nostra casa al mare, con quelle due porte, una di fronte all'altra, vicinissime ai fornelli, era il posto ideale per bruciacchiare i pomodori. Il maestrale si portava via quei fumi (ma per me... profumi), misti agli aromi di aglio e basilico, e li diffondeva in giardino, facendo accorrere a scuriosare anche i più appassionati di dolce-far-niente e tintarella.
Ricordo le sue mani paffutelle che spezzettavano il basilico, o sbriciolavano l'origano, e la sua enorme pazienza nello spellare i pomodori dopo averli arrostiti in padella. E ora come fare qui in città, senza la brezza marina? Meglio evitare griglia e padella, anche perché il teflon e la ceramica non mi sembrano rivestimenti adatti ad accogliere residui di bruciature. Il primo passo, allora, sarà quello di accendere il grill del forno e  disporre i pomodori su una teglia in alluminio usa e getta, finché non saranno bruciacchiati... L'ultimo passo? Gustarsi un piatto di pasta al pomodoro dal sapore decisamente diverso dal solito.

Ingredienti per 2 persone:

– 140/170 gr di penne rigate o altra pasta
– 500 (o più) gr di pomodori (perini, San Marzano o Piccadilly)
– 1 o 2 spicchi di aglio
– 1 mazzetto di basilico (oppure origano essiccato)
– olio e.v.o. (4/6 cucchiai)
– 40 gr. di provolone stravecchio o ricotta salata
sale q.b.


Preparazione

1. Accendere il grill del forno. Lavare e asciugare i pomodori e disporli in una teglia in alluminio usa e getta. Mettere i pomodori sotto il grill e lasciarceli, girandoli ogni tanto, finché la buccia sarà diventata nera in più punti (circa 25 minuti).
2. Intanto mettere in una ciotola l'olio, il basilico spezzettato finemente con le mani e l'aglio tritato finissimo.
3. Mettere a bollire l'acqua per la pasta e appoggiare sulla pentola la ciotola per mantenerla calda.
4. Sbucciare i pomodori, gettando via semi e liquido in eccesso. Spezzettarli, metterli nella ciotola, schiacciarli con una forchetta insieme al condimento e salarli.
5. Quando l'acqua bolle, cuocere la pasta mantenendo la ciotola al caldo.
6. Scolare e condire la pasta nella ciotola, aggiungendo scaglie di provolone o ricotta salata grattugiata. 

2 commenti:

Lucia Pinna ha detto...

Che delizia!

lucy ha detto...

la proverò senz'altro!