lunedì 24 settembre 2012

Gnudi, ravioli, malfatti, strangolapreti o strozzapreti toscani di verdure miste


Ingredienti per 6-8 persone

Verdure miste (bietole, scarola, spinaci, verza): 900 g
Ricotta:  450 g
– 3 rossi d'uovo e 1 uovo intero
Parmigiano grattugiato: 150 g
Farina: q.b.
Pangrattato: 2 cucchiai
Sale
Noce moscata
Burro: 50 g

Olio e.v.o.: 1 cucchiaio (per l'acqua in cui verranno cotti)

Per condire:
Burro fuso (30 g) insieme a foglie di salvia
Parmigiano
Pangrattato


Preparazione:
– Lessare in pochissima acqua salata le verdure miste, scolarle, strizzarle bene, tritarle finemente e farle saltare in padella per 5 minuti con 50 g di burro. Farle raffreddare.
– Aggiungere alle verdure la ricotta, le uova, il sale, la noce moscata e amalgamare bene. Unire a poco a poco una quantità di farina sufficiente a rendere il composto non più appiccicoso, ma neanche troppo consistente. Occorreranno circa 3 cucchiai, ma la dose dipende dal grado di umidità di ricotta e spinaci. Far "riposare" l'impasto mezz'ora in frigorifero.
– Con l'impasto fare delle polpette ovali e infarinarle leggermente.
– Portare a ebollizione abbondante acqua, aggiungere sale e il cucchiaio di olio, e cuocervi gli gnudi per 5 minuti.
– Toglierli ad uno ad uno con la schiumaiola via via che vengono a galla e adagiarli in una pirofila imburrata. Versarvi sopra il burro fuso con la salvia.
– Sono ottimi spolverizzati di parmigiano e pangrattato e messi a gratinare in forno per 5 minuti.

2 commenti:

enrico ciabatti ha detto...

Sono sicuramente meravigliosi: un trionfo di sapori diversi. Poi la noce moscata regala una fragranza e personalità tutta toscana.

Giovanna ha detto...

Già, ho dimenticato di dire che di noce moscata ne va messa in abbondanza, altrimenti mentre si cuociono gran parte dell'aroma svanisce nell'acqua. Magari se ne può dare una spolveratina prima della gratinatura!