sabato 1 dicembre 2012

Cuori di ricciarelli


Ingredienti (per 20/30 cuori, a seconda della grandezza)

– mandorle 250 g
– zucchero 250 g
– scorza di 1 arancia grattugiata 
– vanillina 1 bustina
– cannella 1/2 cucchiaino
– albumi 2
– farina q.b.
– zucchero a velo q.b.

Preparazione

– Tritare finemente le mandorle (sgusciate) con qualche cucchiaio di zucchero. Quando saranno ben sfarinate, unire il resto dello zucchero, la scorza d'arancia grattugiata, mezza bustina di vanillina e la cannella. Amalgamare bene.
– Sbattere pochissimo i due albumi e aggiungerli un po' per volta all'impasto, mescolando bene con un mestolo.
– Stendere l'impasto per un'altezza di mezzo centimetro, schiacciandolo con il matterello tra due fogli di carta forno cosparsa di un velo di farina. Togliere lo strato di carta superiore e, con una formina per biscotti, ritagliare dall'impasto dei cuoricini, che andranno depositati in una teglia bassa ricoperta di carta forno. Farli riposare 12 ore, ricoperti con un panno umido in modo che non si secchino.
– Trascorso questo tempo, infornarli a 140°/160° per 20 minuti. Devono rimanere morbidi e colorirsi appena.
– Una volta raffreddati, cospargerli di zucchero a velo aromatizzato con il resto della vanillina.

Da pochi minuti è arrivato dicembre, dunque Natale si avvicina. È tempo di cominciare a pensare ai biscotti e, perché no, a quelli tipici della tradizione, magari modificati con un po' di fantasia. In effetti questa non è la ricetta tradizionale dei ricciarelli senesi (Parenti, 1879) che prevede l'aggiunta della "lega" (cioè uno sciroppo di zucchero) e che prima o poi magari proverò e trascriverò. Comunque anche questi cuoricini semplificati fanno la loro figura. Qualche giorno fa ho portato in omaggio i miei cuori di ricciarelli ai ragazzi del Prosperius, il centro di riabilitazione che in questo periodo frequento per via dei postumi della frattura al gomito. E sono piaciuti non solo a loro, ma anche a un ex pasticciere, mio compagno di... torture all'arto superiore.

7 commenti:

Cucina con Federica ha detto...

Ciao Giovanna, grazie per essere passata dal mio blog e piacere di conoscerti :-)
Buoni questi tuoi ricciarelli, io non li ho mai provati, dovrò subito rimediare. buina domenica!

Giovanna (Acquacotta e fantasia) ha detto...

Grazie Federica! Buona fine domenica anche a te!

Marlin ha detto...

Questi biscotti non li conoscevo e devono essere buonissimi, complimenti dovrò provarli. Ciao.

IlMondoDaScoprire ha detto...

Ciao! Se ti va di partecipare ai miei contest "Raccontami una storia" e "Raccontami una ricetta", ti aspetto sul mio blog: http://ilmondodascoprire.blogspot.it/2012/12/contest-raccontami-una-storia.html
http://ilmondodascoprire.blogspot.it/2012/12/contest-raccontami-una-ricetta.html
Un bacio e a presto!

Alessia Casarotti ha detto...

Piacere Giovanna! Ti ho scovata dalle Sorelle in Pentola e adesso ti seguo ;-)
A presto!

acquacotta e fantasia ha detto...

Grazie, Alessia, ora faccio un salto da te!

Walter ha detto...

Complimenti, un vero capolavoro -e anche una tortura per chi come il sottoscritto deve stare a dieta.