venerdì 12 luglio 2013

Biscotti di Roccalbegna con labna, salsicce di cinghiale e sottoli



Ultimo giorno per inviare ricette a Cuoco di Fulmine e Ponti per la V sfida. Il tema è: "Ho il giardino, facciamo il brunch?". Se vi piace la mia ricetta, votatela! Basta aprire questo link e cliccare "Mi piace".
Ecco nell'immagine gli ingredienti obbligatori.


Sarò breve, perché il tempo stringe. Mi limito a spiegare, per chi non lo sapesse, che questo è un biscotto salato e lesso, cioè viene fatto bollire in acqua prima di essere infornato, esattamente come le brezeln, con le quali condivide anche la forma, benché nel biscotto di Roccalbegna (GR) l'incrocio centrale sia semplice invece che doppio. Le sue origini si perdono nel Medioevo e non è escluso che siano da far risalire ad una comunità ebraica, proprio come le brezeln.

INGREDIENTI per i biscotti di Roccalbegna (per 10 persone, anche se nella foto vedete il risultato per 5 persone, e con una variante: invece che due biscottoni, con due pezzi di pasta ho realizzato tre schiacciatine tonde, facendole lessare in tre coppapasta di tre dimensioni).

1000 g di farina (ho usato farina di manitoba)
400 g di acqua
20 g di lievito di birra
50 g di semi di anice
250 g di olio e.v.o.
q.b. sale



PREPARAZIONE dei biscotti di Roccalbegna

Impastate a lungo tutti gli ingredienti, fino ad ottenere una palla dura, elastica, dalla quale i semi di anice tenderanno a 'schizzare'.
Fate riposare 10 minuti.
Staccate dei pezzi di pasta, tirateli e arrotolateli in un lungo e grosso cannello, che chiuderete incrociandone le estremità come vedete nell'immagine.
Lessate i biscotti in acqua bollente salata e scolateli quando vengono a galla (circa 2 minuti).
Fateli asciugare coperti da un telo per 6-8 ore e cuoceteli in forno a 200° C per 40 minuti.



INGREDIENTI e PREPARAZIONE delle creme di formaggio.  Per 1 persona, da moltiplicare per il numero dei commensali.

– Per la CREMA al CARCIOFO, frullate 1 carcioghiotto Ponti e 2 olive verdi giganti Ponti con 1 cucchiaio di formaggio labna ricavato da yogurt greco (per la cui preparazione, vedere qui: http://acquacottaf.blogspot.it/2013/03/labna-formaggio-fresco-di-yogurt.html). Accompagnate con 1 oliva verde gigante Ponti, riempita di labna.

– Per la CREMA alla SALSICCIA DI CINGHIALE, tritate una salsiccia di cinghiale possibilmente non troppo stagionata,  4 uvette (5 g) e 1 cipollina Peperlizia Ponti, rosolate, sfumate con mezzo bicchierino di vino bianco e fate raffreddare. Unite 1 cucchiaio di formaggio labna e amalgamate. Accompagnate con julienne di peperoni Peperlizia Ponti.

IMPIATTAMENTO: non c'è, perché non ci sono piatti da preparare. Ognuno stacca un pezzetto di biscotto e lo intinge nella propria ciotolina. In alternativa, potete spalmare le creme sulle schiacciatine fatte con lo stesso impasto dei biscotti salati. Ma questa è una rivisitazione mia personale. A Roccalbegna fanno solo la forma nella foto e poche altre forme, animali e bamboline.










2 commenti:

Rosalba ha detto...

che bella ricetta...questi biscotti mi incuriosiscono molto

Giovanna ha detto...

Rosalba, qui dovevo accompagnarli per forza con i prodotti Ponti e lo yogurt, ma provali anche con salumi (se ne mangi, io quasi niente) e formaggio pecorino o ricotta fresca.