mercoledì 28 maggio 2014

Muhallabia


INGREDIENTI

Latte: 750  g
Farina di riso: 35 g
Zucchero: 75 g
Sale: un pizzico (ho usato sale rosa dell'Himalaya)

Acqua di rose: 1 cucchiaio
Mandorle tritate: 1 cucchiaio
Pistacchi tritati: 1 cucchiaio

Nella mia versione, anche semi di girasole e codette di liquirizia.
Per decorare, fiori e foglie eduli: qui roselline essiccate e acetosella fresca.

PREPARAZIONE

Stemperare la farina di riso con un po' di latte freddo.
Portare a ebollizione il resto del latte con lo zucchero e il sale.
– Unirlo al composto di farina e latte.
– Far addensare a fuoco basso, mescolando continuamente perché la crema non si bruci.
    Occorreranno circa 8 minuti.
 Togliere dal fuoco, aggiungere l'acqua di rose e versare la crema in coppette.
Far raffreddare prima a temperatura ambiente, poi in frigorifero.

Prima di servire, tostare leggermente mandorle e pistacchi e disporli sulla superficie della muhallabia.

La muhallabia è una densa e profumatissima crema, quasi un budino, a base di latte, farina di riso, zucchero e acqua di rose. Diffusa in tutto il Medioriente, si arricchisce di semi e frutta secca di vario genere, a seconda delle diverse tradizioni.
Questa è la versione egiziana, con mandorle e pistacchi, che ho decorato con l’aggiunta personale di roselline, foglie di acetosella, semi di girasole e codette di liquirizia… tanto per far rima con delizia!
Se non ricordo male, quella che ho mangiato in un ristorante del Cairo, conteneva mandorle tritate anche all'interno. Potrebbe essere un'ottima idea per la prossima volta!

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Sublime, bella e deliziosa, congratulazioni, un caro saluto.
Gianni B.

Lucia Pinna ha detto...

Grazie mille Giovanna, la muhallabia è il piatto egiziano che più mi manca, lo mangiavo tutti i giorni per merenda o per dessert dopo pranzo! Proverò a farlo qui in Italia seguendo la tua ricetta, chissà cosa mi verrà fuori!

Giovanna ha detto...

Grazie Gianni, grazie Lucia, per i commenti.

Lucia, la ricetta è presa dai tre libri di cucina egiziana che ho, più o meno uguale in tutti e tre. Mi è sempre venuta bene. Fammi sapere.

Enrica - Vado...in CUCINA ha detto...

un dolce molto romantico...voglio proprio provarlo grazie per averlo condiviso

La Pasta Risottata ha detto...

Ciao Giovanna! Eccomi anche qua;mi sono unita ai tuoi membri e,con calma, guarderó anche le tue ricettine. Per ora vedo questa bellezza...gnammm!!
Un abbraccio
Vera
Se hai voglia di passare da me http://lapastarisottata.blogspot.com.es/

Giovanna ha detto...

Grazie a te, Enrica!

Giovanna ha detto...

Ciao Vera, grazie! Arrivo!