domenica 11 novembre 2012

Marmellata di pere Williams



Ingredienti
1 kg di pere Williams
500 g di zucchero
1 spicchio di limone
50 ml di acqua

Preparazione
– Sbucciare le pere, dividerle in quarti, togliere il torsolo e tagliarle a fettine. Metterle in una pentola di acciaio o rivestita in ceramica insieme con l'acqua e con il succo e la scorza di uno spicchio (1/4) di limone. Far bollire 10 minuti.
– Passare il composto al passaverdura.
– Versare la purea ottenuta nella pentola aggiungendo lo zucchero e far riprendere l'ebollizione.
– Cuocere per 40 minuti mescolando ogni tanto con un cucchiaio di legno.
– Versare la marmellata calda in vasetti precedentemente riscaldati in forno.
– Chiudere subito i vasetti e tenerli capovolti fino al raffreddamento.



Meno male che "pere" è una parola breve. Per motivi di braccio e mano destra, ancora un po' irrigiditi e dolenti dopo la frattura del gomito, l'intervento e il gesso, ho tralasciato "Williams", ma non ho saputo resistere a scrivere in calligrafia almeno un cartellino per uno dei tre vasetti. Però le Williams, secondo me, sono proprio le pere più adatte per la marmellata, così "succulente", aromatiche e profumate.

12 commenti:

bricolage.ricette ha detto...

Non ho mai assaggiato la marmellata di pere, la composta sì, ma la marmellata mai.Deve essere davvero buona, delicata.

Acquacotta e fantasia ha detto...

E io invece non ho mai assaggiato la composta, ma voglio farla, visto che ora le pere sono di stagione e riesco a trovare quelle biologiche. Hai ragione, il risultato è una marmellata molto delicata, quasi trasparente. Appena avvio un vasetto, metto una foto.

ViviConVivi ha detto...

bella ricettina!
se ti va passa da me, ti aspetto! xD

Giovanna (Acquacotta e fantasia) ha detto...

Grazie Vivi! Sono appena passata dal tuo blog: che dire? Gustoso, gustosissimo, nel senso che hai davvero tanto gusto per lo shopping.

Giovanna (Acquacotta e fantasia) ha detto...

@bricolage.ricette: ecco fatto, ho messo la foto di pane e marmellata.

bricolage.ricette ha detto...

non l'ho mai assaggiata, ma deve essere buonissima.

Giovanna (Acquacotta e fantasia) ha detto...

@bricolage.ricette. È proprio buona. È lamia preferita a colazione.

Giovanna (Acquacotta e fantasia) ha detto...

Errore *la mia

Anonimo ha detto...

Ciao,
ho provato la ricetta, ma con queste dosi la marmellata risulta decisamente troppo dolce e quindi immangiabile. Ho dovuto buttare tutto :( Sei sicura che le quantità siano giuste?

Giovanna ha detto...

Caro Anonimo, mi dispiace che tu abbia buttato tutto. Le dosi sono proprio queste. Il peso dello zucchero, di solito, deve essere metà di quello della frutta. Solo per frutta molto zuccherina, p. es. fichi, ciliegie, si mette meno zucchero. Se controlli libri di cucina o anche ricettari nel web, vedrai che è così. Può darsi che le tue pere fossero di una qualità molto dolce. Ma hai usato le Williams?

Anonimo ha detto...

Ciao Giovanna,
sì, come da te suggerito, ho usato le Williams (quelle normali, nn quelle rosse). A questo punto, non so davvero che pensare! Ad ogni modo, ho intenzione di riprovare utilizzando una quantità minore di zucchero. Alcuni siti in Internet suggeriscono 200 gr di zucchero per 1 kg di pere. Magari mi pongo nel mezzo e uso una dose intermedia. Peccato, perché la consistenza e l'aspetto della mia marmellata erano davvero ottimi! Pazienza! Come dice il proverbio, sbagliando si impara ;) Grazie e alla prossima!

Giovanna ha detto...

Ciao Anonimo, le mie Williams erano verdi e rosse, lo ricordo bene, e anche molte grosse. Al gusto erano un po' acidule. Mi sembrano davvero pochi 200 gr di zucchero. Rischi che ti venga la muffa nei vasetti. Se ne metti così poco, ti consiglio di sterilizzarli dopo confezionati, facendo bollire i vasetti chiusi e ricoperti di acqua per una mezz'oretta. Ora che ci penso, potevi anche non buttarla, ma riutilizzarla facendola ribollire insieme a una nuova marmellata fatta solo con 1 kg di pere e 100 o 200 di zucchero. E poi rinvasare tutto. Ciao, e comunque grazie per essere passato/a dal mio blog!